E’, ritrovarsi, comporre le orbite di pianeti e costellazioni seguendo rotte mai tentate prima.
Perché le stelle risiedono sui troni degli Dei, ma sedie di legno e paglia, dondoli di sughero, cullano il tempo del nostro sguardo a loro rivolto. A volte, il tempo del nostro sonno.