Nello spazio tra due vocali
il meccanismo del tempo
s’è inceppato.
L’istante, incauto,
è prigioniero dell’incanto.