Perché se l’inverno conduce
a più inossidabili emozioni
nessuna stagione sfugge
alle coltri di nebbia padana.