Category

Poetanti

Come vedette in ogni mondo possibile ipoeti incarnano l’itinerario della mente altrove che, tornando, conduce con sé i mondi stessi.

“Ecco ancora una finestra”. M. Cveateva

Prega, amico, per la casa insonne, per la finestra con la luce. Marina Cvetaeva

“A mio parere, non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo, Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo, non vedono.” José Saramago, Cecità

Assenza

Ciò che nel tempo e nel vuoto – narra di sé l’addio.  

Commiato | Poetanti

Tenere a qualcosa è tenerlo. Tenere a qualcuno, amare, è lasciare… Che il tempo finisca. Il corpo si stacchi. Il cuore proceda.  

Profumo d’autunno | Poetanti

Respira il cuore – il mio – l’odore di un giorno nascente. D’autunno, il tempo profuma.  

Corona, di Paul Celan | Poetanti

AUTORE: Natalia Robusti. “Nello specchio è domenica, nel sogno si dorme, la bocca fa profezia.” Paul Celan  

L’anima

AUTORE: Natalia Robusti. “L’anima, che per l’uomo comune è il vertice della spiritualità, per l’uomo spirituale è quasi carne.” Marina Cvetaeva

“Due mondi – e io vengo dall’altro.”

AUTORE: Natalia Robusti “Due mondi – e io vengo dall’altro “ – scrive Cristina Campo. Come se i mondi evocati fossero ben più di due, e uno di questi fosse tutto suo; il mondo terzo di colei che guarda l’uno… Continue Reading →

© 2017 Itinarranti — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑