Dovessi raccontare in breve questi anni di lavoro e studio potrei dire che – un po’ come Penelope – ho svolto e intessuto fili. Fili di forme, fili di parole. Alla ricerca di un unico, convergente destino: un disegno del mondo che mi corrispondesse.