Scrivere al tempo dei Big Data

Storie di draghi e libellule...

Scrivere al tempo dei Big Data: questione di punti di vista.

Chiunque si occupi dell’arte e della tecnica della scrittura conosce in profondità la rilevanza – potremmo dire la dominanza – del punto di vista della voce narrante.

Parole, linguaggio e social: l’audacia della (IN)comprensione.

Parole, parole, parole, soltanto parole… parole tra noi” cantava Mina negli anni ’70, relegando a quel soltanto la pochezza di senso che potenzialmente tutte le comunicazioni, non soltanto quelle vacue o fittizie, nascondono tra le righe.

Popolo o moltitudine

A proposito di innovazione digitale: una prospettiva culturale.

Ci sono eventi che cambiano letteralmente senso a percorsi che davamo per acquisiti, modificandone la prospettiva e perfino l’orizzonte.